Il cane Lupo Italiano non si può acquistare come qualsiasi altra razza canina. Per necessità di tutelare la sua limitata diffusione, il Lupo Italiano si ‘affida’ in base ad uno specifico Disciplinare che richiede all’affidatario la sottoscrizione di un documento Assunzione di Obblighi
Chi infatti sceglie di allargare la propria famiglia ad un Lupo Italiano si assume l’impegno di far parte non solo di un progetto di selezione di una razza molto speciale, coordinato dall’ A.A.AL.I., l’associazione che protegge la razza e che ne gestisce il Registro Anagrafico Ufficiale, ma anche di aderire ad una serie di attività caratterizzanti. In primo luogo la riproduzione del soggetto affidato e non da ultimo l’impegno per l’addestramento, prevalentemente in ambito di protezione civile e di pubblica utilità, e la partecipazione ad attività e manifestazioni in genere.

Cosa fare per avere un cucciolo di Lupo Italiano

Come avere un Lupo ItalianoPoiché l’allevamento del Lupo Italiano non è estensivo, il numero dei cuccioli disponibili nell’anno per i nuovi affidamenti sono in numero limitato. Pertanto chi aspira ad avere in affidamento un Lupo Italiano, deve sottoporre la sua richiesta alla A.A.A.L.I. previa iscrizione all’Associazione secondo quando indicato alla pagina vorrei diventare socio A.A.A.L.I.. La Domanda d’iscrizione e la Domanda di affidamento, opportunamente compilate, andranno inviate via posta o fax presso la sede dell’associazione o via email ad aaali.segreteria@gmail.com oppure consegnate personalmente al Delegato di zona. Importante e necessario sarà il contatto diretto con un responsabile dell’associazione (il territorio nazionale è suddiviso in aree facenti capo a Delegati di Zona, punto di riferimento degli affidatari dell’area) il quale lo informerà su tutti gli aspetti dell’affidamento con lo scopo anche di favorire reciproche verifiche per il buon fine dell’affidamento.

Gli interessati all’invio della propria domanda d’affidamento di un Lupo Italiano devono tener conto che, a seguito del programma di tutela della razza, possono essere prese in considerazione solo domande di persone associate ad A.A.A.L.I. e totalmente disponibili al rispetto incondizionato delle regole statutarie e del disciplinare di razza, onde evitare revoca d’affido e ritiro del cane. Pertanto la conoscenza specifica dei regolamenti, prima di sottoporre la propria richiesta, è fattore importante anche per comprendere se il Lupo Italiano costituisca effettivamente animale adatto alle proprie esigenze e rispondente alle proprie aspettative.

I tempi di attesa per un affidamento sono variabili, mediamente da qualche mese ad un anno, dipendendo dal numero di cuccioli disponibili, in genere non più di una cinquantina l’anno. Nel tempo di attesa il richiedente ha la possibilità di prendere parte attiva alle iniziative locali organizzate dai delegati di zona con raduni, incontri formativi e di addestramento di unità cinofile.

I criteri di scelta dei nuovi affidatari si basano sul giudizio d’idoneità prodotto con uno specifico percorso di verifica dei richiedenti tenendo conto anche, ma non solo, dell’ordine cronologico delle richieste. Hanno priorità gli affidi ad unità cinofile impegnate in protezione civile o in servizi di pubblica utilità, a soci già dimostratisi buoni affidatari o specificatamente individuati per progetti di selezione promossi dal team degli esperti.

ATTENZIONE! A.A.A.L.I mette in guardia chiunque fosse interessato ad avere un Lupo Italiano dalle offerte di cuccioli a pagamento circolanti anche su internet.

A.A.A.L.I., che nell’esercizio delle sue funzioni non è sicuramente l’origine di tali offerte, invita a non alimentare questi canali ed a rivolgersi ai suoi uffici o ai suoi delegati regionali per eventuali informazioni o verifiche.

Attenzione alle speculazioni sul Lupo Italiano

Trattasi principalmente di cuccioli nati da incroci non autorizzati e non iscritti al Registro Anagrafico Ufficiale che la stessa AAALI detiene per decreto ministeriale.
Queste speculazioni procurano un danno d’immagine al Lupo Italiano e alle finalità cui è stata destinata la razza tutt’oggi tutelata da un Disciplinare che ne vieta la commercializzazione a favore di ‘ affidamenti’ con le modalità e gli scopi descritti nei capitoli di questo sito.
Tutti i cuccioli senza il loro numero RAU non sono di fatto Lupi Italiani anche se nati da soggetti ufficialmente registrati. Il rilascio del pedigree pertanto è esclusiva competenza di AAALI.
Resta triste storia di uomini senza valori quella degli individui che, manipolando il Lupo Italiano a proprio uso e consumo, si espongono sul territorio e sui social network con vendite di cuccioli o con filosofie lontane dalla realtà dei fatti. Documentarsi direttamente alle fonti AAALI è norma utile per evitare distorsioni di ogni sorta.